Periodico di cultura fondato a Palermo nel 1901

La Contradanza siciliana
elogio di un ballo gioioso e corale

Articolo inserito da il
2.114 letture, 1 commento

Stampa
di REDAZIONALE.

Oggi parliamo di “contradanza”, una danza che si usava ballare come strumento di aggregazione e di divertimento tra la gente delle varie contrade durante certi periodi dell’anno o in occasione di  sagre paesane, le feste del Patrono, le fiere ecc, diciamo, fino a circa la fine degli anni ’50.

ballo di corteC’è chi dice che in Sicilia, essa abbia iniziato a diffondersi con la dominazione Normanna essendo un “ballo di corte” che man mano è andato a volgarizzarsi. Nonostante il dialetto con il quale viene cantato, vi sono ancora parole di chiara origine “oltralpe”. Nei tempi correnti, la contradanza è caduta in disuso ma quando, raramente, la si vede eseguire coinvolge positivamente ed emotivamente gli spettatori con la sua musica allegra e nel contempo evocatrice di una ormai trascorsa serenità rurale.

Complessino (photo V. Caronna)La cuntraranza siciliana viene detta danza “cumannata” dal momento che i passi, che i danzatori dovranno fare durante il ballo, sono diretti da un maestro, “u mastru ri ballu” o ‘u bastuneri” che, su un podio, ai margini della vasta sala di un posto di lavoro, di un circolo o  in una piazza del paese, grida a voce alta le figure in cui i ballerini dovranno impegnarsi collettivamente al suono dell’orchestrina che suona ritmi come quadriglia o galopp arrangiato e i cui strumenti, tranne l’organetto sono tipicamente folkloristici: lo scacciapensieri, il tamburello con i sonagli, i friscaletti ( flauti di canna).

I versi che u bastuneri recita suggeriscono le figure  e i passi che i ballerini devono fare.  I versi stessi fanno parte di tre lunghe strofe dette “caddozzi”, ( come in Sicilia vengono anche detti i nodi della salsiccia). Normalmente si balla solo uno dei tre caddozzi perché soltanto  danzatori professionisti potrebbero sostenere un ballo così lungo ed estenuante.

L’apertura della danza é ritualizzata da u bastuneri che invita la gente a ballare recitando la “cuminciatina”, cioè l’invito, rivolto anche al maestro di musica,  così:

contradanzaA tutti l’amici,  mi raccumannu, na sta’ cuntraranza, di non sbagliari.
“Siciliana” vi la cumannu, picchì tutti quanti nn’amu a capiri…

Attenzioni prufissuri, maestri valenti, dame e cavalieri cu tanta eleganza…
Ora ci balliamo una bellissima cuntraranza
Ve la cumannu cu tantu amuri.

Musica, prufissuri!

 

(Primo Caddozzu)

O fimmini sciacquati e tisi

Omini beddi, bravi e curtisi,

Facemu tutti ‘na granni rota,

‘Na cuntraranza chi vota e svota:

Mittemu subitu sta rota avanti

Cu ‘na quadrigghia la cchiù brillanti;

Però, amiciuzzi, faciti un inchinu

Prima a la fimmina ch’a vui é vicinu,

Poi accuminciati, signuri cari,

Vutannu a dritta senza stancari

A manu manca vutannu puru

Canciari è beddu mossi e figuri .

O fimmineddi, vutati arreri,

Vutati tutti, gran cavaleri;

Cchiù di ‘na soggira sugnu siccanti,

Vutassi arreri stu gran vulanti.

Ora facemu lu valanzè,

Facemu tutti lu turdimè

E doppu chistu, picciotti beddi,

Purtamu a spassu li cumpagneddi

E jemu sempri p’a stessa via,

Canciamu donna, pi curtisia.

Lassamu a chista cchiù picciuttedda:

Chista di ccà è donna di sfrazzu,

Damucci tutti lu nostru vrazzu;

Chist’autra avanti, stidda è di luci,

Biatu a chiddu chi la connuci!

Lassamu a chista ch’è grossa grossa,

Pigghiamu a chista ch’è tutta ossa

Ed è chist’autra donna frizzanti

Prestu picciotti, passamu avanti!

‘Un vogghiu fari sta vista cchiui

è nta ‘na vota nni canciu dui.

Ora, signuri, cuntrè facemu

Picchì stancuzzi, sudati semu,

Canciamu sempri pi nostri beni

Picchi li fimmini su ‘guai e peni;

Canciamu ancora sempri girannu ,

Picchì li donni sunnu malannu,

Chista è ‘na fimmina ca ‘un ridi mài:

Prestu, canciamula pi caritài!

Lassamu a chista tipu modernu

Chi tutti l’omini voli a lu ‘nfernu;

Adaciu vaiu e poi accussì

Stavolta, amici, nni canciu tri.

Lassassi ognunu qualunqui amica:

Doppu sta vesta lu beddu è

Di fari tutti lu turdimè,

Lu turdimè sulu nun stà,

Facemu tutti lu cumprimà.

 

Secondo Caddozzu

Furmati, o fimmini, ‘na roticedda,

Giramu a dritta nni sta vanedda ;

Furmati, o omini, cu mossa franca

‘Na granni rota girannu a manca

E ogni rota accussi com’è

Vutassi subito a lu cuntrè:

O fimmineddi, vutati arreri ,

Vutati tutti, gran cavaleri.

Attinzioni, si vi sbagghiati

Vi dicu surdi, malagurati:

Sutta li vrazza d’ogni bidduzza

‘Nfilassi ognuna la sò cucuzza,

Sta gran catina farria un divariu

Vutassi subitu a lu cuntrariu,

Sta cosa a l’ omini tutti nun va

Picchì si persi di dignità.

Ora vui fimmini, cu abbutta abbutta,

Bisogna mettiri ‘a testa sutta:

Nun mi piaci st’ammutta ammutta,

Donni, livativi di staci sutta

E a dritta e a manca comu ‘na vota,

Girassi ognuno subitu a rota.

Ogni damuzza accussi com’è

Furmassi subitu lu mulinè :

Vui di la dritta fimmina iti

Omini tutti contra faciti

E di li donni ‘a stessa via

Siguiti , o omini, pi curtisia.

I cavalieri sunnu ‘n doviri

Di a so dama ‘a manu offriri:

‘A manu manca è manuzza affritta

Damuci tutti ‘a manu dritta,

Manu manuzzi, comu ‘na vota

Furmamu ancora ‘a granni rota

E di la dritta giramu tutti,

Chissa è la stada chi dà boni frutti;

Si di stu latu troppu stancamu

A manu manca prestu vutamu.

Ora, signuri, senza gran chiassu

Purtati tutti ‘a donna a spassu ,

Marciati tutti dritti e sciancati

Sinu a li purti di la citati,

Tirati avanti lu tempu è beddu

Sinu a li mura d’un gran casteddu :

Cci iti boni pi caminari

Centu chilometri l’avemu a fari.

E ora amici doppu sta prova

Si resta ognunu come si trova ,

Facci cu facci viniti ccà

Facemu tutti lu cumprimà,

Cu ‘na’annacata la cchù eliganti

N’arreri l’omini li donni avanti:

E ora fimmini turnati arreri

Ca vemu appressu li cavaleri,

Facemu ancora la stissa cosa ,

Viniti appressu cummari Rosa :

Turnati ancora, pò nni firmamu

Picchì ,signuri , accussì stancamu,

Ora sintiti chiddu chi dicu

Di cavaleri,di bon’amico:

Attinzioni , nun vi sbagghiati!

 

Terzo Caddozzu

Manu manuzzi li vrazza all’aria,

Fimmini e omini di frunti e frunti

Furmati tutti lu cchiù gran ponti

E ogni coppia pò, ‘ncutta ‘ncutta

Di chistu ponti passassi sutta.

Ccà ‘na firmata avemu a fari

Pi nun sudari e pi nun stancari ;

Mentri ogni fimmina pigghia di ddà

Giramu l’omini tutti di ccà,

Picchì cci semu picciotti ‘n vena ,

Furmamu tutti la granni scena.

No cchiù la manu, ma cu gran sfrazzu

Damu a la dama lu nostru vrazzu.

Attinzioni, accussì com’è

Vota ogni coppia di lu contrè;

Doppu sta scena mi pari opportunu

Chi lu sò posto pigghiassi ognunu.

Ora signuri, cu gran rispettu,

La dama ognunu pigghia a brattezzu:

Gran cosi duci ddà dintra cc’è,

Tutti ‘nvitati semu a buffè.

Ancora amici la terza vota

Furmamu tutti la granni rota,

Giramu a dritta, giramu a manca

Picchì nissunu di nui si stanca,

E sta gran rota, accussì com’è

Girassi ancora di lu cuntrè.

Sempri ristannu stu gran vulanti

E adaciu adaciu, cari amiciuzzi ,

Pigghiassi ognunu li so ‘manuzzi

Cu ‘n’annacata di gran ‘mpurtanza,

Lesti facennu ‘na gran valanza.

Sintiti tutti lu me cumannu :

Canciati donna sempri girannu,

Canciati ancora, canciati arreri

Canciati tutti, gran cavaleri:

Lassati a chista, chist’autra puru

Chist’autra ancora, bravi signuri;

Adaciu vaiu, iemu accussi

Lestu sta vota nni canciu tri .

Senza bisogno di lu me cumannu

Oro canciati sempri girannu,

Lassassi ognunu qualunqui amica

E ripigghiassi la dama antica.

E ora, amici, mittemu puntu

Ca di stanchizza ognunu è gghiuntu

E pi finiri, accussì si fà,

Facemu tutti li cumprimà.

Ora assittativi tutti cuntenti ,

Grazi dicennumi militarmenti

E vui la dama, bravi signuri,

Ringraziati di tantu onuri.

 

 

 

 


Redazione
Biografia


'La Contradanza siciliana' ha 1 commento

  1. 10 maggio 2016 @ 10:09 contradanza

    Collegatevi in You tube a “QUELLI DELLA CONTRADANZA” e troverete la nostra Contradanza dal vivo. Tutte le Contradanze del Golfo di Castellammare, li troverete scritte sul libro “Sulle Contradanze del Golfo”, corredato di relative immagini.

    Reply


Vuoi scrivere cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


L'editoriale è firmato da: Consiglio

Amministrazione