Periodico di cultura fondato a Palermo nel 1901

Uniti nella migrazione
riflessione su un fenomeno sempre più globale

Articolo inserito da il
1.660 letture, 3 commenti

Stampa
di GIOVANNA FILECCIA * ©

La migrazione affonda le proprie radici antichissime che si perdono nel tempo. Non si è mai arrestata né mai accadrà perché l’individuo è spinto dalla necessità di trovare il meglio per sé e per la propria famiglia.

Primi anni del 19° secolo: bastimento carico d'emigranti in partenza per l'America del sud

Primi anni del 20° secolo: bastimento carico d’emigranti italiani, in partenza per le Americhe

Sono molti i motivi per i quali si emigra: lo studio, gli affetti, la religione, le guerre, il lavoro sono tra questi. In generale la migrazione, o emigrazione, ha una valenza positiva: un valido esempio ne sono quei padri-famiglia che hanno trovato lavoro all’estero iniziando, in luoghi nuovi, una vita decorosa per sé e per i propri cari. Sembra scontato ribadirlo, ma il lavoro non è solo una necessità ma anche un diritto che nobilita e dà dignità.

La Sicilia è sempre stata carente da questo punto di vita: si lavora tanto e si guadagna poco. Si lavora in nero e si è sfruttati al massimo. Molti nostri concittadini da anni vivono in svariate parti del mondo: America, Germania, Argentina, Svizzera, Francia, Inghilterra, eccetera. Ma tutti gli emigrati hanno nostalgia della Sicilia, degli amici, della famiglia, eppure non possono tornare qui per mancanza di lavoro.Chi resta invece sente la lacerazione del distacco dei figli, nipoti, mariti, amici. Resta la rabbia nel chiedersi il perché i siciliani, nonostante vivano in una terra così bella e piena di risorse, non riescano ad avviare un concreto piano di lavoro. Negli anni, infatti, non è cambiato nulla: oggigiorno sono tanti i giovani del nostro territorio che partono per poter guadagnare uno stipendio che permetta loro di vivere decorosamente.

barcone d'immigrati

Barcone d’immigrati diretto alle nostre spiagge: non tutti riusciranno a sbarcare incolumi dopo l’estenuante traversata

La migrazione come risorsa, però, diventa tragedia quando si è costretti a lasciare la propria terra per motivazioni che trascendono i propri bisogni. È il caso dei tantissimi migranti e profughi che provengono dall’Africa e dal Medio Oriente. Essi affrontano il viaggio in mare per salvarsi dall’orrore della guerra. Arrivano stremati senza possedere nulla tranne la loro preziosa vita. Non voglio affrontare l’argomento dal punto di vista politico, né voglio dare la mia opinione sui giovani uomini che lasciano la loro terra, e neanche voglio scrivere di quanto sia complicato accoglierli e accettarli, né di come alcuni approfittino della situazione.

Voglio solo dare risalto al lato emozionale immaginando di essere una donna migrante che non ha altra scelta se non quella di abbandonare la sua terra dalla quale si sente espulsa, abortita come se fosse un errore. La immagino arrabbiata perché il suo migrare, nonostante sia un’esigenza, non dipende da lei. È talmente importante che ella fugga che non le importa neanche se muore. Tutto è preferibile a rimanere lì dove c’è l’orrore. Preferisce essere un errore abortito dalla terra che una donna senza futuro.

 ORME

Non sono un uccello

dal becco appuntito,

maun errore

che migra

seguendo la scia

di un’onda marina

che mi conduce

verso ignota Terra.

Lasciano orme di sangue

i miei piedi nudi:

rimarranno

all’alba

e anche

al tramonto

né scompaiono

se sfuggo da me stessa.

Estranea

in Terre di passaggio

vorrei svanire

tra le onde dell’esserci,

tra i colori del piangere,

tra i dolori del vivere.

Ma è prepotente

l’esigenza del respiro;

ho bisogno d’aria pura

per scordare

le macerie

che ho lasciato:

pezzetti ricomposti

di corpi nudi

sotto cieli sporchi

d’aria opaca,

lorda di bruttura

che

sangue

innocente

infetta.

Non mi attendono

fiori allo sbarco;

sono un errore

abortito dalla Terra,

e

cavalco la corrente

della speranza.

Non sono un uccello

dal becco appuntito,

ma

una donna errante

che anela

tre

parole

solamente:

                  “Benvenuta

                              Sorella

                                    Migrante”.

*Giovanna Fileccia. Poetessa e scrittrice prolifica di romanzi e saggi. Anche quest’anno membro della autorevole giuria del Premio regionale  “Sicilianamente” a cura del CRAL Regione Siciliana e  che Il Bandolo si pregia di sponsorizzare già da qualche anno. Responsabile del sito www.giovannafileccia.wordpress.com, utile per mostrare ai visitatori l’eclettismo che la connota nel campo letterario, e che le ha fruttato importanti riconoscimenti e premi; ( suo è il neologismo “Poesia sculturata”).  La lirica su riportata  è tratta da “La Giostra dorata del Ragno che tesse” ed.Simposium, ultima sua recente fatica dopo il successo ottenuto con”Sillabe nel vento”. 


Redazione
Biografia


'Uniti nella migrazione' ha 3 commenti

  1. 6 maggio 2016 @ 12:31 Maria Vittoria Spinoso

    La poesia è bella, senza dubbio; sanguina il cuore sapere questa marea umana in giro per il mondo senza pace. Dovremmo muoverci anche con i gesti oltre che con le parole! Siamo preda noi stessi delle istituzioni “caine”. Per esperienza d’informazione so che la povertà, il degrado umano è dilagante! Ci vorrebbe una buona idea. Credo che una buona preghiera per tutti loro sarà il primo aiuto che possiamo dare, poi privarci di qualcosa che possa aiutare tutti e non solo gli emigranti. Mia figlia l’altra sera si è unita ad un gruppo per portare del cibo caldo ai meno fortunati che vivono alla stazione e bivaccano la notte,lì. Questo è un altro gesto concreto. Mi ha raccontato mia figlia che alcuni si incartavano la pasta per consumarla il giorno dopo. Questa è la realtà e non erano stranieri…erano italiani come noi. La povertà è una brutta cosa. Aspettano volontari che ingrandiscano il gruppo. Chi vuole fare un gesto che valga mi contatti. Vogliono del cibo.Si deve portare quello che volete, comprato da voi e cucinato da voi. Poi si interessa la scuola della mia nipotina: li chiamano “Angeli Bianchi”.

    Reply

  2. 6 maggio 2016 @ 19:24 Giovanna Fileccia

    Maria Vittoria, il tuo appello mi tocca nel profondo, la povertà é un’altra piaga che sta piano piano prendendo piede. Anche qui dove vivo io si dà assistenza e aiuto ai bisognosi nello stesso modo in cui fa tua figlia. E mi trovi d’accordissimo quando affermi che non bastano le parole. Si, ci vorrebbe un’idea, e ci vorrebbe anche tanta buona volontà, determinazione, grinta, inventiva: Tutto va bene! L’importante è fare qualcosa. L’aiuto é già qualcosa ma non è certo una soluzione

    Reply

  3. 5 maggio 2017 @ 13:44 Marceca Rita Vita

    Quello che scrivi è molto giusto, ma soprattutto è ben scritto e tocca il cuore. La poesia è bellissima. E ti ho già detto, i tuoi versi saranno studiati a scuola.
    Per quanto riguarda il portare aiuto porta a porta è strumento che ci fa stare bene con la propria coscienza è che comunque è cosa buona è giusta. Ma ritengo che il problema dell’ emigrazione è una cosa così grande, che per affrontarlo ci vogliono leggi e voler capire il punto di vista dell’ altro. E soprattutto basta parlare di alzare i muri, i quali si possono scavalcare e ritorcersi contro di noi. I muri alimentano guerre e odio, non sono fatti x risolvere i problemi.

    Reply


Vuoi scrivere cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


L'editoriale è firmato da: Consiglio

Amministrazione