Periodico di cultura fondato a Palermo nel 1901

Riccardo Piazza, scrittore
un giovane colto che si affaccia nell'agone filosofico -letterario

Articolo inserito da il
234 letture, nessun commento

Stampa

di LUIGI Gf. CONSIGLIO

Riccardo Piazza è un giovane docente palermitano – è nato nel 1987 – che per la sua “opera prima” ha scelto di pubblicare presso una dignitosa casa editrice nazionale, la Piero Manni srl di San Cesario di Lecce. Questa ha un catalogo diversificato piuttosto interessante ed è particolarmente sensibile al lancio di nuovi autori nella collana “Occasioni”, curata dall’ottima Anna G. D’Oria.

Il Prof. Piazza insegna con sentimento Storia e Filosofia presso un Istituto parificato di Palermo dopo aver avuto altre esperienze didattiche in Continente. Come egli stesso si presenta in un social network, coltiva un amore profondo per la letteratura, la storia e la filosofia del XIX e del XX secolo e nutre anche passione per il giornalismo e per le tematiche economiche-finanziarie. Questo eclettismo emerge dalla lettura del suo libro che è una summa di pensieri, in prosa,  la cui lettura suggeriamo, venga fatta in unica soluzione se si vuol godere appieno di quanto vi è scritto.

Copertina ManniIl titolo del libro – Vidi Caronte sul Bosforo – offre subito la cifra “visionaria”  dell’itinerario onirico intrapreso dall’Autore, inteso come viaggio di purificazione  metafisico che si svolge lungo le 96 pagine del volumetto; esso è suddiviso in tre tappe o meglio, in tre parti che danno il titolo a tre aggregazioni: la prima, Fondamenta, la seconda parte, Del milite ignoto, infine l’epilogo, Costantinopoli.

Affiora inequivocabilmente da alcune pagine la profonda cultura filosofica che si frammischia ad ricordi di un vissuto reale sofferto ed autobiografico, quasi fosse un non pacificato senso di colpa,  che, comunque, non manca di intrigare positivamente come quando, a pag.34 dedica queste righe Ad Antonietta:”Ma se il gioco delle esistenze si fosse fermato anche soltanto un momento, io avrei certamente destinato un minuto di più al sapiente ascolto. Tutta la burrasca è una sinusoide recalcitrante, spira la forza della terra, respira ancora la tua forza geografica. Parlerò di questa metà del cielo, quella che sta in basso, e che tu eri così brava a trasportare in alto, davanti ad un bicchiere di latte, ad un libro scovato dal nulla e poco altro.”

Il titolo del libro compare a chiusura, in Epitaffio. “ Costantinopoli: città dell’eterno 1453. Gli armigeri chinano il capo, stendono le membra nelle fosse comuni, alcune avranno anche delle lapidi a ricordar delle loro gesta, altre avranno cantori che ne invidieranno la morte e che ne ricostruiranno le venture per ingannare l’esistenza. Necesse: fate questo in memoria dei Re. Vidi Caronte sul Bosforo, rideva schiumando secoli di rabbia e finitudine dalle sue fauci. Vidi noi, voi, tutti loro, e mi parve, soltanto per un istante, scrivendo, d’aver fatto ordine e di essere tornato alla vita.”

Insomma, un buon biglietto di presentazione per successivi impegni. Ad maiora !

RICCARDO PIAZZA – Vidi Caronte sul Bosforo – Manni, 2017-  €12,00


Redazione
Biografia


'Riccardo Piazza, scrittore' non ha commenti

Commenta per primo!

Vuoi scrivere cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


L'editoriale è firmato da: Consiglio

Amministrazione